Diving & snorkeling

Tutto il meglio per i nostri ospiti

 

 

 

Seconda per dimensione nell'Arcipelago Toscano, l'Isola del Giglio col suo mare limpido e generoso è luogo ideale per una vacanza subacquea. Impressionante è il numero di immersioni possibili intorno all'Isola in rapporto alla sua estensione; ogni tratto di mare in pratica offre opportunità per indimenticabili esplorazioni.

Sottocosta o sulle secche al largo, si incontra facilmente quasi ogni specie di pesce pelagico mediterraneo, e pesci di ogni tipo e taglia. Saraghi, tanute, dentici, palamite, ricciole, tonni, barracuda e pesci luna si lasciano avvicinare in una coloratissima scenografia naturale.

In questi fondali troviamo anche entusiasmanti pareti impreziosite da gorgonie bianche, gialle e rosse, i cui colori si alterano man mano che la profondità aumenta. Nelle infinite tane dei fondali risulta inevitabile l'incontro con murene, gronchi, cernie ed aragoste anche a profondità limitate; infatti la fascia interessante varia dai 15 ai 35 metri. Spugne, tunicati, parazoanti, anemoni e spirografi rivestono la roccia sottostante dando vita ad un laboratorio biologico naturale di estremo interesse.

Per chi ancora non avesse iniziato la pratica subacquea esiste la possibilità di praticare lo snorkeling, che sicuramente darà grandi soddisfazioni scoprendo sotto il pelo dell'acqua un mondo fantastico. Da non perdere invece, per i subacquei, la punta del Capel Rosso, del Fenaio, le Scole, la secca della Croce, il Corvo e la punta delle Secche, che sono solo alcune delle possibilità di immersione che ci offre l'Isola del Giglio. Soltanto mettendo la testa sotto l'acqua il visitatore potrà dire di aver conosciuto il vero fascino dell'Isola.

 

 

 

Ordinanza di Sicurezza Balneare n°50/2009 (estratto)
Art. 5 Esercizio della Pesca.

1. L'esercizio di qualsiasi tipo di pesca, diversa dalla pesca subacquea regolamentata al punto 2, E' VIETATO nelle fasce di mare di metri 200 dalle spiagge e di metri 100 dalle coste a picco, durante la stagione balneare tra le ore 08:30 e le 19:30.

[...]  2 . La pesca subacquea è regolamentata dagli articoli 128bis,128ter, 129, 130 e 131 del regolamento della pesca, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 2 ottobre 1968, n° 1639, e successive modificazioni ed integrazioni. In particolare, E' SEMPRE VIETATA la pesca subacquea nelle acque antistanti le spiagge del Circondario, in presenza di bagnanti, fino ad una distanza di metri 500 dalla riva. In presenza di scogliere/coste a picco negli orari di balneazione, la pesca subacquea è consentita anche a distanza inferiore a metri 100 dalle medesime solo in assenza di bagnanti. E' VIETATO attraversare le zone frequentate da bagnanti con arma subacquea carica.

3. Chiunque eserciti attività di pesca subacquea deve segnalare la propria presenza nei modi indicati dalla normativa vigente (bandiera rossa con banda trasversale bianca). Ogni subacqueo deve operare entro il raggio di 50 metri dalla verticale del segnale o della barca di appoggio.

4. È fatto obbligo ai conduttori di qualsiasi unità di navigare ad una distanza non inferiore ai 100 metri dai segnalamenti prescritti per legge indicanti la presenza di un sub in immersione.

5. E' vietata la pesca e qualsiasi attività subacquea nel tratto di mare compreso tra la costa dell'Argentario e lo scoglio denominato "L'Isolotto" di Porto Ercole. [...]